Posted on

Sentiamo parlare di…Vita!

Sentiamo parlare di…Vita!

Cos’è la Vita?

Dunque: Vita. Non è facile darne una definizione… per citare il telefilm Kyle XY: «nonostante tutti gli anni di ricerca, più cerchiamo di trovare una definizione per noi stessi, più affoghiamo nella nostra stessa confusione». Perché citare un telefilm del 2006 quando dovrei parlare del concetto biologico di Vita? Perché centra il problema alla perfezione: non siamo ancora in grado di dare una definizione rigorosa di Vita.

Quando non siamo in grado di definire qualcosa, in genere ci accontentiamo di descriverla. In altre parole… cosa caratterizza gli organismi viventi? Ecco alcune parole chiave: omeostasimetabolismocrescitaadattamento e riproduzione. Grandi paroloni che, in breve, indicano la capacità di mantenere costanti le proprie caratteristiche interne (temperatura, concentrazione di sali…),  di assorbire nutrienti dall’esterno ed utilizzarli sia come fonte di energia sia come materiale per la produzione di sostanze necessarie, di adattarsi all’ambiente e di rispondere a stimoli esterni.

Ma anche con questa elenco di caratteristiche, un po’ di confusione rimane. I virus, ad esempio, sono in grado di riprodursi solo all’interno di una cellula (sono dei parassiti obbligati delle cellule): quindi sono vivi solo quando infettano una cellula? Se un organismo è sterile, ovvero non è in grado di riprodursi, allora non è vivo? Inoltre, le stelle sembrano adattarsi perfettamente a questa descrizione…

Per risolvere – per il momento – questo problema, in biologia definiamo la Vita come tutto ciò che è formato da cellule (più i virus). Senza entrare troppo nel dettaglio della teoria cellulare, ci basti sapere che una cellula:

  • è racchiusa da una membrana di lipidi (grassi);
  • mantiene le proprie informazioni negli acidi nucleici (DNA ed RNA);
  • utilizza le proteine come elementi strutturali e funzionali;
  • può utilizzare zuccheri, grassi, proteine e acidi nucleici come fonte di energia;
  • e, ultima ma non per importanza, è l’unita fondamentale di ogni essere vivente (a parte i virus, e scusate la tautologia).

Notizie recenti dal mondo della Scienza

Il 28 settembre 2015 la National Aeronautics and Space Administration (NASA) fornito le evidenze scientifiche necessarie a confermare un’ipotesi di qualche anno fa, sulla superficie del pianeta Marte è presente acqua liquida (Science 2011, NASA conference).

Questa notizia ha suscitato scalpore ed è stata rimbalzata dai mass media, per quale motivo? Perché sul nostro pianeta l’acqua è presente in grandi quantità in forma liquida, e proprio in questo stato può potenzialmente fungere da ‘culla della vita’. Non c’è da stupirsi che, al pensiero di trovare vita su un altro pianeta, ci facciamo prendere dall’eccitazione!

Citando lo stesso articolo di Nature… Il poeta americano Ralph Waldo disse: «La Natura è un’infinita combinazione e ripetizione di pochissime leggi. Canticchia sempre il solito motivetto, ma con innumerevoli variazioni». Ebbene: sull’ultimo numero della rivista scientifica Nature (Vol. 526, 1 ottobre 2015) è stato pubblicato l’articolo che segna il completamento del 1000 Genome Project. Questo progetto durato 25 anni ha sequenziato il DNA di centinaia di individui per meglio comprendere queste variazioni. In futuro, l’obiettivo è di utilizzare questi dati in modo rilevante a livello medico: il campo della medicina personalizzata è infatti in rapida espansione.

Le recenti novità dal mondo della Scienza sono moltissime: laboratori cinesi che mettono in vendita come animali domestici dei micro-maialigeneticamente modificati (Nature), passi avanti nel campo del gene editing con CRISPR (Nature), tentativi di coordinamento tra diversi progetti a livello planetario per comprendere meglio il funzionamento del cervelloumano (Science), grandi discussioni sul concetto di interdisciplinarietà, sullo studio delle materie scientifiche tra i banchi di scuola, e tanto altro ancora…

…ma questo è solo un articolo introduttivo, un’apertura di stagione che spero abbia stuzzicato la vostra curiosità lasciandovi affamati. Una fame che potrete saziare leggendo i nostri prossimi articoli. Infatti quest’anno non solo cercheremo di tenervi aggiornati sulle novità scientifiche, ma avvieremo anche una rubrica (iniziata oggi) dove parleremo di termini usati nella vita di tutti i giorni ma di cui, forse, non sappiamo veramente il significato.

Gabriele Girelli

 

Articolo pubblicato su L’Adige il 06/10/2015